Corso Excel 2003 – Il foglio elettronico

Gli argomenti trattati in questa sezione sono:

  • Il Foglio Elettronico
  • L’interfaccia di Excel
  • La forma del puntatore del mouse
  • Creazione, Salvataggio ed Apertura di un foglio elettronico
  • Selezione di una o più celle
  • La cartella di lavoro
  • Operazioni sui Fogli di Lavoro
  • L’interfaccia nel dettaglio
  • Ottenere più viste di una stessa Cartella di Lavoro
  • Ottenere aiuto

Il Foglio Elettronico

Un foglio elettronico (o foglio di calcolo) è uno strumento che consente di gestire in modo automatico calcoli su dati, inoltre è possibile archiviarli, analizzarli, creare rappresentazioni grafiche, , per maggiore informazioni potete ricorre al link su wikipedia. E’ bene precisare subito che nel caso in cui si desideri creare un archivio dei propri dati un foglio elettronico non è tuttavia lo strumento adatto, in questo caso è consigliabile utilizzare un gestore di basi di dati (database).

Concentriamoci ora su Excel.

Introduzione

MS Excel è un foglio elettronico integrato, disponibile per PC dotati dei sistemi operativi Windows e Mac-OS, che ingloba funzioni per la creazione di grafici e per la gestione di DataBase.

Una volta lanciato Excel, viene una finestra in cui la parte superiore è costituita da una serie di barre di pulsanti, ed una parte inferiore costituita dal foglio elettronico vero e proprio.

I pulsanti posti sulle barre consentono l’accesso alle funzioni principali relative al programma, ad ogni pulsante è associato un tooltip (suggerimento) il quale contiene le informazioni relative all’operazione associata allo stesso e viene visualizzato quando l’utente si sofferma con il puntatore del mouse su questo per un periodo di tempo sufficiente (solitamente tra i 3 ed i 5 secondi).

Le operazioni sono solitamente accessibili anche mediante il menu a tendina presenti subito sotto la barra del titolo, i quali contengono tutte le operazioni eseguibili sul nostro foglio elettronico, e mediante i menù dipendenti da contesto, questi vengono visualizzati quando si preme il pulsante destro del mouse (il loro contenuto dipende dall’oggetto puntato dal mouse al momento della pressione).

Excel - Menu File

Figura 1

Il menù di Excel sono caratterizzati dall’utilizzo di menù ridotti (vedi Figura 1). Questi presentano un sottogruppo ristretto delle opzioni disponibili per ogni voce e sono caratterizzati dalla presenza di una doppia freccia posta sul fondo (vedi l’elemento cerchiato in rosso in Figura 1) la quale consente di visualizzare le opzioni restanti (vedi  Figura 2), premendola o soffermandosi per un certo numero di secondi su di essa (nello stesso modo in cui vengono visualizzati i suggerimenti associati ai pulsanti).

Le voci presentate sono generalmente quelle più utilizzate e possono variare durante il lavoro, infatti se utilizziamo una voce del menù questa viene automaticamente aggiunta a quelle da visualizzare immediatamente.

I menù sono inoltre caratterizzate da vari elementi, le voci attive (vedi l’elemento cerchiato in viola in Figura 1) rappresentano le operazioni che è possibile eseguire, le voci passive, caratterizzate da un effetto bassorilievo (vedi l’elemento cerchiato in verde in Figura 1), sono operazioni disponibile per il menù in esame, ma non attive per l’oggetto attualmente selezionato (sia esso un foglio elettronico, un testo, un immagine ecc..).

Bisogna infine notare che al fianco di alcune voci di menù è presente un’icona, questo indica che è disponibile un pulsante associato

Excel - Menu File (voce disattiva)

Figura 2

In Figura 2 viene presentato un menù completo, cioè quello visualizzato dopo la pressione della doppia freccia.

Possiamo notare che le voci aggiuntive visualizzate in esso (vedi l’elemento cerchiato in rosso in Figura 2) presentano una effetto di “infossamento” rispetto alle altre, anche per queste voci vale il discorso fatto relativamente alle voci attive e passive di un menù.

La forma del puntatore del mouse varia a seconda della posizione in cui si trova, le forme possibili sono generalmente 4 :

  • Croce puntatore a croce
  • I-Intermittentepuntatore I Intermittente
  • Frecciapuntatore a freccia
  • Punto di Inserimentopuntatore per inserimento
  • Doppia Freccia di Ridimensionamento    puntatore per ridiemensionamento orizzontale  o puntatore per ridiemensionamento verticale

 

Il mouse assume la forma di una croce quando si trova all’interno del foglio di calcolo ed indica che è possibile selezionare una cella od una gruppo di celle.

La forma di I-Intermittente viene visualizzata quando ci si trova in corrispondenza della barre della formule. Quando viene premuto il pulsante sinistro del mouse il punto di inserimento viene spostato in corrispondenza della posizione del puntatore.

La forma di freccia è visualizzata quando ci troviamo in prossimità delle barre dei pulsanti, dei menù o di altre componenti della finestra (in pratica all’esterno degli elementi direttamente collegati al foglio elettronico)

Il punto di inserimento indica la posizione in cui si trova il cursore ed in cui è possibile scrivere, non è propriamente associata al puntatore del mouse.

La Doppia Freccia di  Ridimensionamento viene visualizzata quando ci si trova in prossimità della linea che separa due righe o due colonne nei righelli posto al margine del nostro foglio elettronico e consente di ridimensionare la riga o la colonna relative.

Organizzazione del Foglio di Lavoro

Il foglio di lavoro di excel è una griglia utilizzata per elencare, organizzare ed elaborare gruppi di dati. La griglia è costituita da una serie colonne etichettate alfabeticamente da sinistra a destra e da una serie di righe etichettate mediante un numero progressivo dall’alto verso il basso. Le colonne sono etichettate da A a Z, proseguendo da AA a AZ e così via (per un massimo di 256 colonne), le righe sono numerate da1 a65.536.

Una cella (componente base del foglio elettronico) è costituita dall’intersezione di una riga ed una colonna ed identificata univocamente dalle coordinate di queste.

Selezione di una o più celle

Per immettere un valore all’interno di una cella è necessaria che questa sia attiva. Una cella attiva è caratterizzata da un bordo più spesso in grassetto; quando noi apriamo un foglio è attiva la cella A1.

Per impostare una cella come attiva è sufficiente posizionarsi con il puntatore del mouse e premere il pulsante sinistro del mouse.

Per selezionare un  gruppo di celle contigue si seleziona la cella iniziale, si preme il pulsante sinistro del mouse, si evidenziano le celle desiderate e quindi si rilascia il pulsante del mouse.

Per selezionare una riga è sufficiente posizionarsi in corrispondenza della etichetta che la identifica  e premere il pulsante sinistro del mouse; per selezionare più righe è sufficiente posizionarsi sull’etichetta corrispondente alla prima riga, quindi tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse evidenziare le righe desiderate, terminata la selezione è sufficiente rilasciare il pulsante sinistro del mouse.

Discorso analogo vale per la selezione di una o più colonne.

Per selezionare un intero foglio è sufficiente posizionarsi all’intersezione tra le linee e colonne relative alle etichette e premere il pulsante sinistro del mouse.

Infine per selezionare più celle non contigue e sufficiente tenere premuto il tasto CTRL (Control) e selezionare le celle desiderate usando i metodi descritti precedentemente.

Per muoversi all’interno di uno o più gruppi di celle selezionate possono essere utilizzati una serie di combinazione di tasti

RETURN                  Consente di posizionarsi sulla cella inferiore

SHIFT+ RETURN   Consente di posizionarsi sulla cella superiore

TAB                           Consente di posizionarsi sulla cella a destra

SHIFT+TAB             Consente di posizionarsi sulla cella a sinistra


La cartella di lavoro (Workbook)

La cartella di lavoro è il documento su cui noi lavoriamo normalmente quando utilizziamo Excel, questo è costituito dall’insieme dei fogli elettronici attivi su cui stiamo lavorando. Per analogia può essere visto come il raccoglitore che contiene i fogli che utilizziamo per fare dei calcoli.

Elenco Schede
Figura 3

Ogni foglio è identificato univocamente mediante un nome, questo è riportato sulla Scheda di Foglio, posta sul fondo del foglio (Figura 3); i fogli contenuti possono essere di diversi tipi, il foglio elettronico classico (spreadsheet), un grafico (chart sheet) o un foglio di macro (macro sheet).

Quando viene creato una nuova cartella di lavoro (in Excel 2000) questa contiene tre fogli elettronici vuoti chiamati foglio1, foglio2, foglio3.

Quando il numero di fogli all’interno della nostra cartella di lavoro cresce, è possibile che non tutte le Schede Foglio siano visibili, per scorrere tra l’elenco di foglio disponibili è possibile utilizzare le frecce poste alla sinistra delle Schede Foglio, che consentono di muoversi tra i vari fogli.

Il significato delle frecce è il seguente

Freccia Significato
 |< Posiziona all’inizio dell’elenco dei fogli
 < Scorri a sinistra di un foglio
 > Scorri a destra di un foglio
 >| Posiziona alla fine dell’elenco dei fogli

Rinominare un foglio

Per cambiare il nome di un foglio esistono varie procedure, la più semplice consiste nel effettuare un doppio click con il pulsante , in alternativa è sufficiente selezionare il foglio che si desidera rinominare e selezionare la voce Rinomina, dal sotto-menu Foglio del menu Formato (in seguito utilizzeremo la seguente notazione per indicare le voci dei menù Formato->Foglio->Rinomina), infine è sempre possibile utilizzare i menù dipendenti da contesto, è infatti sufficiente posizionarsi sulla Scheda di foglio relativa e premere il pulsante destro del mouse, quindi selezionare la voce Rinomina dal menu visualizzato.

Tutti è tre i metodi sono equivalenti, la scelta di uno particolare dipende dai gusti dell’utente, personalmente consiglio sempre l’utilizzo dei menù dipendenti da contesto, in quanto garantiscono sempre la massima immediatezza e facilità d’uso.

Cambiare la posizione di un foglio all’interno di una cartella di lavoro

Per modifica la posizione di un foglio all’interno di una cartella di lavoro è sufficiente effettuare una operazione di Drag & Drop (Trascina e Rilascia) del foglio.
Per prima cosa bisogna posizionarsi sulla Scheda di foglio del foglio desiderato con il puntatore del mouse, quindi tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse, ci si muove lateralmente fino ad trovare la posizione desiderate per il nostro foglio, infine si rilascia il pulsante del mouse e l’operazione è eseguita. Possiamo notare che, quando teniamo premuto il pulsante sinistro del mouse, appare una freccia nera sopra le Schede di foglio la quale indica la posizione attuale del foglio all’interno della Cartella di Lavoro.

Spostare o Copiare un foglio tra due Cartelle di Lavoro

È possibile spostare fogli tra cartelle diverse, per effettuare tali operazioni, è sufficiente rendere attivo il foglio che si desidera copiare, selezionare la voce Modifica->Sposta o Copia foglio … dal menù.

In alternativa è possibile utilizzare la stessa voce dal menù dipendente da contesto visualizzato in corrispondenza della Scheda di foglio.

Finestra di dialogo Sposta-Copia foglio

Figura 4

L’attivazione di tale comando porta alla visualizzazione della finestra di dialogo in Figura 4.

Nella parte superiore, sotto la voce Alla cartella: questa presenta un elenco delle cartelle aperte in Excel, più la voce nuova cartella) da cui è possibile selezionare la cartella in cui si desidera muovere o copiare il foglio.

Nella parte centrale della finestra di dialogo, sotto la voce Prima del foglio:, compare un elenco dei fogli contenuti nella cartella selezionata, più la voce sposta alla fine, qui dobbiamo selezionare il foglio prima di cui dobbiamo inserire quello in fase di copiatura (o di spostamento).

Infine nella parte inferiore è presente la voce Crea una copia, attivabile mediante check box, questa consente di stabilire se creare un copia del nostro foglio (nel caso la voce sia attiva) oppure spostarlo (nel caso la voce sia disattiva).

Impostate le nostre preferenze è sufficiente premere il pulsante OK per rendere effettiva la nostra operazione, nel caso decidiamo invece di non effettuare nessuna copia o spostamento possiamo utilizzare il pulsante Annulla.

N.B.: è possibile spostare i fogli solo tra le cartelle attualmente aperte.


I menù a tendina

Come detto in precedenza i menù a tendina (detti anche a discesa) (Figura 5) consentono di accedere a tutte le operazioni eseguibili sul foglio elettronico, esaminiamo ora nel dettaglio le voci principali presenti.

menu a discesa

figura 5

VOCE DESCRIZIONE

File

Creazione, apertura, salvataggio, Stampa di documenti e uscita da Excel
Modifica Operazioni di Copia, Taglia, Incolla, Operazioni di Annulla e Ripeti, Operazioni di Ricerca e Sostituzione di elementi
Visualizza Modifica la modalità di visualizzazione dei componenti e Selezione delle Barre di Pulsanti da Visualizzare
Inserisci Inserimento di elementi (celle, righe, colonne, fogli, oggetti, ecc..)
Formato Definizione del formato dei vari elementi della Cartella di Lavoro, consente la definizione degli Stili
Strumenti Collezione di Strumenti per l’analisi (Controllo ortografico, ecc…) e la personalizzazione del programma (Opzioni, ecc…)
Dati Esecuzione di operazioni relative a basi di dati o di riorganizzazione dei dati
Finestra Gestione delle finestre attive in Excel
? (Aiuto) Visualizzazione delle informazioni di aiuto, attivazione dell’Assistente


Le barre dei pulsanti

Le barre dei pulsanti sono il metodo più veloce ed immediato per l’esecuzione di un comando, queste possono contenere un numero arbitrario di pulsanti e sono totalmente personalizzabili (strumenti->personalizza). Analizziamo ora i principali pulsanti presenti.

La prima barra che generalmente  è la seguente :

Barra Standard

Figura 6 - Barra Standard

Di seguito descriviamo nel dettaglio le funzionalità associate ad ogni pulsante

Icona

Tasti Scelta Rapida Descrizione

Operazioni Comuni ai vari programmi di MS Office 2000

 nuovo CTRL – N Apre una nuova cartella di lavoro
 apri CTRL – F12 Apre una cartella di lavoro
 salva SHIFT – F12 Salva la cartella di lavoro attiva
 stampa CTRL-SHIFT-F12 Stampa il documento attivo
 anteprima di stampa Presenta un anteprima del risultato della stampa del documento
 controllo ortografico F7 Esegue il controllo ortografico del testo presente nel documento
 taglia CTRL-X Taglia l’oggetto selezionato
 copia CTLR-C Copia l’oggetto selezionato
 incolla CTRL-V Incolla l’ultimo oggetto copiato
 copia formato Copia il formato di una cella
 annulla CTRL-Z Annulla l’ultima operazione eseguita, la freccia posta alla destra indica la possibilità di visualizzare l’elenco delle ultime operazioni eseguite ed annullarne più di una.
 ripeti CTRL-Y Ripeti l’ultima operazione annullata, la freccia posta alla destra indica la possibilità di visualizzare l’elenco delle ultime operazioni annullate e rieseguirne  più di una.
Operazioni specifiche di Excel 2000
 hyperlink CTRL-K Inserisci un collegamento ipertestuale
 somma ALT-= Inserisce una sommatoria automatica nella cella attiva
 funzione Inserisce una funzione nella cella attiva
 ordina cresente Imponi un ordinamento crescente dei dati sulle celle attive
 ordina decresente Imponi un ordinamento decrescente dei dati sulle celle attive
 grafico Visualizza la finestra di dialogo relativa alla Creazione guidata di un grafico
 disegna Attiva la modalità disegno
 dimensione Consente di selezionare l’ingrandimento del foglio, consentendo inoltre di visualizzare una parte più estesa del foglio
 help F1 Richiama la guida in linea di MS EXCEL

La seconda barra contiene generalmente le operazioni per la definizione del formato delle celle

Figura 7 – Barra di formattazione
Figura 7 – Barra di formattazione

Analogamente a quanto fatto in precedenza descriviamo nel dettaglio le funzionalità associate ad ogni pulsante.

All’estrema destra del barra troviamo le caselle di riepilogo a discesa utilizzate per selezionare il tipo di carattere (font) relativo nella cella attiva e per selezionare la dimensione di tale carattere.

Icona

Tasti Scelta Rapida Descrizione

Operazioni Comuni ai vari programmi di MS Office 2000

 grassetto CTRL – G Imposta il grassetto
 C CTRL – C Imposta il corsivo
 S CTRL – S Imposta il sottolineato
 allineamento a sinistra Imposta l’allineamento a sinistra
 allineamento al centro Imposta l’allineamento centrato
 allineamento a destra Imposta l’allineamento a destra
Operazioni specifiche di Excel 2000
 unisci e centra Unisce le celle selezionate e imposta l’allineamento centrato
  CTRL+SHIFT+$ Imposta lo stile valuta
 € Imposta lo stile euro
 % CTRL+SHIFT+% Imposta lo stile percentuale

000

Imposta lo stile separatore
 + ,000 Aumenta il numero di decimali
 - ,000 Diminuisci il numero di decimali

Operazioni Comuni ai vari programmi di MS Office 2000

  Riduci il rientro
  Aumenta il rientro del testo
  Imposta il bordo di una cella
  Imposta lo sfondo di una cella
  Imposta il colore del carattere

Infine troviamo la barra della formula (Figura 8) posta appena sopra il nostro foglio di lavoro.

Figura 8 - Barra della Formula

Figura 8 - Barra della Formula

Questa è suddivisa in tre aree logicamente distinte; la prima, posta all’estrema sinistra, indica la cella (o l’insieme di celle) attualmente attiva(e).

L’area centrale contiene tre pulsanti i quali servono a :

 annulla Annullare l’immissione della formula, chiudere la finestra della formula e ritorna alla cella attiva
 conferma Immette la formula visualizzata nella barra della formula nella cella attiva.
 formula Visualizza la finestra della formula al fine di facilitare la definizione di una formula.

Nell’area all’estrema destra troviamo infine la barra della formula, questa contiene il valore costante o la formula relativa alla cella attiva.

Figura 9 – Barra della Formula espansa

Figura 9 – Barra della Formula espansa

Per maggiori informazioni relative ai tasti di scelta rapida è possibile consultare la manualistica fornita con il programma, in particolare, Excel Guida Utente 1 alla voce Tasti di scelta rapida. Va infine notato che quando ad un comando è associato una combinazione di tasti di scelta rapida questa viene visualizzata al suo fianco nei menù relativi.

N.B.: Soffermandosi con il puntatore del mouse sul pulsante per qualche istante, viene visualizzato automaticamente la descrizione del suo funzionamento (tooltip o suggerimento).

Ottenere più Viste di una Cartella di Lavoro

Ogni documento è visibile all’interno di una finestra. Excel offre la possibilità di creare più finestre che visualizzino la stessa Cartella di Lavoro oltre alla possibilità di visualizzare più documenti in finestre diverse contemporaneamente.

Per visualizzare la stessa Cartella di Lavoro in due finestre differenti si adotta il seguente procedimento:

  1. Si rende attivala Finestradi Lavoro di cui si desidera ottenere più di una visualizzazione
  2. Si seleziona la voce Nuova Finestra dal menù Finestra (Finestra->Nuova Finestra)
    Excel crea una nuova finestra identica all’originale, ma caratterizzata dalla presenza del carattere : e di un numero progressivo posti in coda al nome della cartella aperta (Figura 10).
Finestra di una Cartella di Lavoro

Figura 10 - Seconda Finestra di una Cartella di Lavoro (particolare)

La finestra così ottenuta può essere resa attiva, e modifica a piacere secondo le modalità consuete.

N.B.: Il contenuto della cartella rimane sempre identico, ogni modifica apportata ad una finestra viene riportata anche nell’altra.

Excel offre anche la possibilità di dividere una finestra in più parti.

Per effettuare la divisone di una finestra si adotta il seguente procedimento

  1. Si seleziona la casella che costituirà il fulcro della divisione
  2. Si seleziona la voce Dividi dal menù Finestra (Finestra->Dividi)
    Excel divide la finestra in due o quattro parti a seconda della posizione della cella selezionata.
    Se questa è relativa alla cella A1 si ottiene una divisione in 4 della nostra finestra.
    Se relativa alla prima riga (1) o alla prima colonna (A) otteniamo una divisione in due (verticale nel primo caso, orizzontale nel secondo) della nostra finestra, dove la prima cella della parte inferiore o di destra corrisponde alla prima cella visualizzata nella divisione appena creata
    Se la cella è posta in un’altra posizione allora otteniamo un divisione in quattro della nostra finestra dove la cella selezionata è usata come centro della divisione.

La barra di divisione può essere mossa a piacere, in modo ridimensionare le viste a seconda delle esigenze.

Per rimuovere la divisione è sufficiente selezionare la voce Rimuovi divisione dal menù Finestra (Finestra->Rimuovi divisione), oppure eseguendo un doppio click sulla barra di divisione che si desidera eliminare.

Casella di Divisione

Figura 11 – Casella di Divisione

Un metodo più immediato è quello di agire direttamente sulle Caselle di divisione (Figura 11), quando il puntatore del mouse si posiziona in prossima di tali elementi assume la forma  o . In questo caso possiamo dividere la nostra finestra semplicemente tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse e trascinando il mouse fino a ottenere la dimensione della finestra desiderata.

Per rimuovere le divisione inoltre è possibile posizionarsi in corrispondenza delle barre che dividono le finestre ed effettuare un doppio click con il pulsante sinistro del mouse.

Bloccare i riquadri

Per ottenere una visualizzazione simile a quella che si ottiene utilizzando la divisione della finestra, senza tuttavia dividere la finestra, si può utilizzare il comando Blocca riquadri (Finestra->Blocca riquadri).

Le modalità di utilizzo sono identiche a quelle per la divisione della finestra, l’unica differenza è che non è possibile ridimensionare i riquadri bloccati.

Per rimuovere il blocco si utilizza unicamente il comando Sblocca riquadri (Finestra->Sblocca riquadri).

Ottenere più Viste di una Cartella di Lavoro

Ogni documento è visibile all’interno di una finestra. Excel offre la possibilità di creare più finestre che visualizzino la stessa Cartella di Lavoro oltre alla possibilità di visualizzare più documenti in finestre diverse contemporaneamente.

Per visualizzare la stessa Cartella di Lavoro in due finestre differenti si adotta il seguente procedimento:

  1. Si rende attivala Finestradi Lavoro di cui si desidera ottenere più di una visualizzazione
  2. Si seleziona la voce Nuova Finestra dal menù Finestra (Finestra->Nuova Finestra)
    Excel crea una nuova finestra identica all’originale, ma caratterizzata dalla presenza del carattere : e di un numero progressivo posti in coda al nome della cartella aperta (Figura 10).

Figura 10 – Seconda Finestra di una Cartella di Lavoro (particolare)

La finestra così ottenuta può essere resa attiva, e modifica a piacere secondo le modalità consuete.

N.B.: Il contenuto della cartella rimane sempre identico, ogni modifica apportata ad una finestra viene riportata anche nell’altra.

Excel offre anche la possibilità di dividere una finestra in più parti.

Per effettuare la divisone di una finestra si adotta il seguente procedimento

  1. Si seleziona la casella che costituirà il fulcro della divisione
  2. Si seleziona la voce Dividi dal menù Finestra (Finestra->Dividi)
    Excel divide la finestra in due o quattro parti a seconda della posizione della cella selezionata.
    Se questa è relativa alla cella A1 si ottiene una divisione in 4 della nostra finestra.
    Se relativa alla prima riga (1) o alla prima colonna (A) otteniamo una divisione in due (verticale nel primo caso, orizzontale nel secondo) della nostra finestra, dove la prima cella della parte inferiore o di destra corrisponde alla prima cella visualizzata nella divisione appena creata
    Se la cella è posta in un’altra posizione allora otteniamo un divisione in quattro della nostra finestra dove la cella selezionata è usata come centro della divisione.

La barra di divisione può essere mossa a piacere, in modo ridimensionare le viste a seconda delle esigenze.

Per rimuovere la divisione è sufficiente selezionare la voce Rimuovi divisione dal menù Finestra (Finestra->Rimuovi divisione), oppure eseguendo un doppio click sulla barra di divisione che si desidera eliminare.

Figura 11 – Casella di Divisione

Un metodo più immediato è quello di agire direttamente sulle Caselle di divisione (Figura 11), quando il puntatore del mouse si posiziona in prossima di tali elementi assume la forma  o . In questo caso possiamo dividere la nostra finestra semplicemente tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse e trascinando il mouse fino a ottenere la dimensione della finestra desiderata.

Per rimuovere le divisione inoltre è possibile posizionarsi in corrispondenza delle barre che dividono le finestre ed effettuare un doppio click con il pulsante sinistro del mouse.

Bloccare i riquadri

Per ottenere una visualizzazione simile a quella che si ottiene utilizzando la divisione della finestra, senza tuttavia dividere la finestra, si può utilizzare il comando Blocca riquadri (Finestra->Blocca riquadri).

Le modalità di utilizzo sono identiche a quelle per la divisione della finestra, l’unica differenza è che non è possibile ridimensionare i riquadri bloccati.

Per rimuovere il blocco si utilizza unicamente il comando Sblocca riquadri (Finestra->Sblocca riquadri).

Ottenere un Aiuto

MS OFFICE 2000 è stato dotato di un sistema di aiuto molto efficiente che affianca alle tradizionali pagine ipertestuali, gli Assistenti.

Questi assistenti sono in grado di analizzare le domande poste dall’utente e fornire un elenco contente le risposte che più si avvicinano alle necessità dell’utente.
Il sistema di “ragionamento” utilizzato dagli assistenti è di tipo probabilistico, in base agli elementi costituenti la frase ed alla sua struttura “deduce” le probabili soluzioni alle vostre richieste. Per richieste semplici e comuni il sistema è decisamente efficiente, con l’aumentare della specificità e della peculiarità delle domande le soluzioni proposte tendono ad essere meno soddisfacenti.

Quando si pone una domanda all’assistente è quindi consigliabile utilizzare un linguaggio semplice e lineare al fine di ottenere dei risultati migliori.

Per il principiante l’assistente si rivela un ottimo aiuto, l’utente più esperto preferirà utilizzare il classico aiuto basato su ipertesti.

Gli assistenti sono visualizzabili mediante la pressione del tasto F1; quando sono attivo sono predisposti per segnalare la disponibilità di suggerimenti relativi alle operazioni in fase di svolgimento.

Questo avviene mediante la visualizzazione di una lampadina illuminata a fianco all’area di lavoro, con un doppio click sulla lampadina viene visualizzato il suggerimento; anche questa caratteristica è molto utile per i principianti.

Vai all’introduzione

Annunci

, ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: